Ci sono personaggi che non se ne vanno mai.

Ci sono personaggi che non se ne vanno mai. Personaggi crea
ti da scrittori - e come in questo caso, è vero, resi immortali dal cinema - che sembrano avere un vita propria che va oltre le pagine di un libro o i titoli di coda di un film. Così la ...
Leggi Tutto

Una donna alla finestra – Drieu La Rochelle

Il signor Theodoris, fondatore della catena Grand Hôtel Theodoris, seduto in poltrona con indosso un’antiquata redingote, troneggiava nella hall dell’Acropolis, al centro del quadro con la cornice dorata. Quel grande albergo era stato la ragion d’essere della sua esistenza, e senza dubbio il pittore che lo aveva ritratto nel dipinto ...
Leggi Tutto

“Un tipo diverso di bellezza” – La letteratura di viaggio secondo Virginia Woolf

Virginia Woolf non ha mai scritto letteratura di viaggio così come la intendiamo oggi, anche se pubblicò sulle riviste alcuni brevi saggi dedicati alle sue esperienze all’estero. Ha però tenuto aggiornati i suoi diari per tutta la vita e scritto e ricevuto impressionanti quantità di lettere ovunque si trovasse, tranne ...
Leggi Tutto

Una Collana che si chiama Light

75 titoli in dieci anni. È un traguardo per noi. La collana ha ospitato testi inediti di grandi autori, alcune scoperte, alcune riscoperte, e sicuramente molti capolavori. In più ogni anno è uscito un volume dedicato al Natale, sempre pescando nel patrimonio sterminato e prezioso dei grandi autori del passato ...
Leggi Tutto

Nuvole e Libri

Ecco fatto. Un'altra edizione di Più Libri Più Liberi si è chiusa. Contenti torniamo casa, pieni di idee e di stimoli: l'incontro coi nostri lettori è sempre importante e questi giorni a Roma sono stati densi di parole, sguardi, consigli, strette di mano: insomma siamo soddisfatti. Un grazie a tutti ...
Leggi Tutto

Mark Twain, Mark Twain, Mark Twain.

Il soldato ferito. Nel corso di una certa battaglia, un soldato a cui un colpo di cannone aveva asportato una gamba, implorò un altro soldato che correva accanto a lui di portarlo nelle retrovie, informandolo della perdita che aveva subìto; al che il generoso figlio di Marte, caricandosi sulle spalle ...
Leggi Tutto

Jack Engle e le Foglie d’erba: un Whitman sconosciuto e misterioso

La scoperta di questo romanzo perduto è in sé una storia bellissima: nel 2016 da Zachary Turpin, studioso dell’University of Houston che lavorava su enormi database che comprendono milioni di pagine di giornali del sec. XIX, inserisce alcuni nomi e frasi tratti da note frammentarie su un possibile romanzo relativo ...
Leggi Tutto

Il lusso del racconto secondo Irwin Shaw

Shaw - famoso per i suoi grandi romanzi - ha scritto alcuni dei racconti più belli della narrativa americana. La raccolta 'L'amore in una strada buia' che sarà in libreria nelle prossime settimane è un piccolo gioiello. Ed ecco cosa scrive lo stesso Shaw nella prefazione al volume a proposito ...
Leggi Tutto

40 gradi all’ombra? Sconto del 20% su tutti i Classici

Basta un click per ricevere - con il 20% di sconto e senza nessuna spesa di spedizione - uno dei nostri Classici direttamente sotto il vostro ombrellone. Jack London per fare la Rivoluzione inieme a lui? Forse A.B. Guhrie per i suoi cieli sconfinati? Rebecca West? Theodore Dreiser? Oppure Mark ...
Leggi Tutto

Il Laureato: prefazione di Paolo Cioni

Nel 1963, quando The Graduate esce in America, Webb ha solo ventidue anni. Ispirato forse a una reale relazione con una donna matura conosciuta a Pasadena, affascinante e sposata, il romanzo crea un piccolo scandalo ma ha un moderato riscontro di vendite. È infatti con l’uscita del film omonimo, diretto ...
Leggi Tutto

A. B. Guthrie / Il grande cielo

Serena Caudill sentì un passo all’esterno, poi il cigolare della porta della baracca e si rese conto che stava entrando John. Continuò a ravvivare il fuoco, dove una gallina stava rosolando.
“Dov’è Boone?”
“In giro, per quel che so.” Alzò lo sguardo e lo vide chiudere la porta contro la pioggia alle proprie spalle, senza voltarsi, mentre con gli occhi cercava di abituarsi all’oscurità della cucina. Zoppicò fino a raggiungere la parete, producendo un battito irregolare sul pavimento rivestito di legno. Fece per appendere il cappotto all’attaccapanni, ci ripensò e lo tenne appoggiato alle spalle. Nel calore della stanza si sentiva il suo odore di vacca, sudore, alcool e lana bagnata.
“Si capisce che fuori piove già dal rumore che fai coi piedi,” disse Serena, seguendolo con lo sguardo.
“L’hai già detto un sacco di volte.” Era in piedi davanti alla finestra, come se riuscisse a vedere qualcosa oltre la carta oleata che faceva da vetro. “Cambieresti cantilena se anche tu avessi una pallottola nella gamba.”
“Non sto sminuendo la cosa,” disse lei, controllando con una forchetta a che punto fosse la gallina. Nella propria mente lo vedeva, quel giorno che era tornato da Tippecanoe con una pallottola nella coscia e la pelle sanguinolenta di un indiano nello zaino. Si era tenuto lo scalpo e aveva conciato la pelle per farsene una coramella per rasoi. Era successo parecchio tempo prima, un tempo più che sufficiente perché un uomo non dovesse più lamentarsi per una ferita.
Si voltò. “Ti ho chiesto dov’è Boone.”
Anche se le riuscì di tenere la bocca chiusa, la testa le si mosse di scatto come se gliel’avesse spinta, puntando in direzione del vialetto che conduceva alla baracca in cui dormivano.
La voce di lui riempì la stanza. “Boone! Ehi Boone!”
Si sentirono dei passi nel vialetto, da sopra il soffio fitto della pioggia. La porta si spalancò. Boone era là fuori, incurante della pioggia. “Che cosa vuoi?”
“Entra.”
“Che cosa vuoi, papà?” Boone si mosse lentamente all’interno, lasciando la porta aperta.
“Per non smentirti, sei stato di nuovo allo spaccio a bere alcool e fare guai.”
Serena si sforzò di mantenere calma la voce. “Se anche è così, non ha fatto nulla di disonesto.”
“Il vitello non deve muggire come il toro. Stai lontana da queste faccende, donna.”
Gli occhi di John tornarono a guardare il ragazzo. “Hai quasi ammazzato Mose Napier.”
“Mi tormentava.”
“Ti tormenterà ancora. Ambrose Napier ha fatto denuncia.”
“Ambrose si è rivolto alla legge?” chiese Serena.
“Cristo, vuoi tenere quella bocca chiusa? Sì, ha fatto denuncia.” Si rivolse a Boone. “Andiamo fuori.”
“Non ti permetto di picchiarmi ancora, papà.”
“Cosa?”
“Ho compiuto diciassette anni lo scorso mese e non ho più intenzione di farmi mettere le mani addosso.”
“Le tue intenzioni conteranno qualcosa solo quando per la legge sarai maggiorenne.”
“Ho detto di no. Mi difenderò.”
John afferrò Boone per un braccio e lo spinse verso la porta. “Non sei ancora abbastanza grande per tuo padre, ragazzo.”
“Me ne vado. Davvero. Non ho motivo di stare qui.”
“Dice sul serio, John,” intervenne Serena. “Capisci? Abbiamo tanto bisogno di lui qui.”
“Ti ho già detto di stare zitta ma no, per Dio, devi dire la tua! Non voglio dirtelo più.” John diede uno strattone a Boone. “Se te ne vai, sarà la legge a farti tornare indietro. Esci!”
Serena li guardò dirigersi all’esterno. Erano quasi alti uguali, ma la corporatura di John faceva sembrare Boone magro. Serena si voltò verso il caminetto e, con la forchetta che si era dimenticata in mano, infilzò di nuovo la gallina.

Uscendo dalla porta, Boone sentì il padre che lo rincorreva. Sentì salirgli su il sapore del whisky che gli si era depositato nello stomaco. Udì il rumore della porta che si chiudeva e poi sentì la pioggia sottile che gli batteva sui capelli.

Condividi questo articolo su Share on Facebook
Facebook


×
Privacy & Cookie Policy
Questo sito usa i cookie. Le informazioni sulla tua navigazione non sono condivise con terze parti. Navigando nel sito accetti la politica dei cookie. Privacy Policy