Nuovo portale. E uno sconto del 30%

Buongiorno a tutti. Se vi siete ripresi dalle varie fiere, saloni, incontri e vernissage, ma ancor più se siete pigri e non vi siete mai mossi da casa, allora questo è un appuntamento che non dovete mancare. Il portale è rinnovato, semplice, essenziale, e funzionale. Dentro ci trovate i nostri libri ...
Leggi Tutto

Il Laureato: prefazione di Paolo Cioni

Nel 1963, quando The Graduate esce in America, Webb ha solo ventidue anni. Ispirato forse a una reale relazione con una donna matura conosciuta a Pasadena, affascinante e sposata, il romanzo crea un piccolo scandalo ma ha un moderato riscontro di vendite. È infatti con l’uscita del film omonimo, diretto ...
Leggi Tutto

Charles Webb / Il Laureato

| Benjamin Braddock si laureò in un piccolo college dell’Est in un giorno di giugno. Prese un aereo e tornò a casa. La sera dopo i suoi genitori diedero una festa in suo onore. Alle otto quasi tutti gli ospiti erano arrivati ma Benjamin era rimasto in camera sua. Suo ...
Leggi Tutto

Theodore Dreiser / Il Titano

| Quando Frank Algernon Cowperwood uscì dal Penitenziario Distrettuale di Philadelphia si rese conto che era per sempre finita la vita di un tempo che aveva trascorso in quella città, sin dalla fanciullezza. La gioventù ormai era finita, portandosi via tutte le prospettive di una grande posizione nel mondo degli ...
Leggi Tutto

Elliott Chaze: Il mio angelo ha le ali nere

| Erano ben quattro mesi che mi ammazzavo di lavoro su una trivellatrice presso il fiume Atchafalaya, infilando lunghe sonde argentate nel terreno, trascinando i sacchi con il fango della perforazione dalla chiatta fino a riva, spezzandomi la schiena e logorandomi le budella, ma tenendo la mente libera dai pensieri ...
Leggi Tutto

Jerome K. Jerome / Cura e manutenzione della donna

Sulla cura e la manutenzione della donna Una volta mi capitò di confrontarmi con un’amica sul tema della luna di miele. Le chiesi, “Consiglieresti una lunga luna di miele o piuttosto un weekend lungo da qualche parte?” Seguì un gelido silenzio. Penso stesse guardando al passato più che al futuro ...
Leggi Tutto

Andre Dubus / Ballando a notte fonda

Siccome voleva bene ai genitori e alla sorella e non poteva spiegare perché andasse nei boschi, tutte le volte che arrivava laggiù, Kenneth Girard provava una sensazione di disagio che durava qualche istante – quasi fosse uscito di casa per commettere un peccato. In fondo, aveva solo tredici anni. Come ...
Leggi Tutto

A. B. Guthrie / Il grande cielo

Serena Caudill sentì un passo all’esterno, poi il cigolare della porta della baracca e si rese conto che stava entrando John. Continuò a ravvivare il fuoco, dove una gallina stava rosolando. “Dov’è Boone?” “In giro, per quel che so.” Alzò lo sguardo e lo vide chiudere la porta contro la ...
Leggi Tutto

Theodore Dreiser / Piangeremo per questi sogni?

Preferisco ricordarlo mentre era al culmine della fama, fin troppo breve, quando cioè - come autore e compositore di vari successi della musica popolare americana (On the Banks of the Wabash, Just Tell Them That You Saw Me, e molte altri), come terzo proprietario di una delle case editrici musicali ...
Leggi Tutto

Sherwood Anderson / Il romanzo perduto

Mi disse che era stato tutto come in un sogno. Un uomo così, uno scrittore. Beh, lavora per mesi, forse un anno intero su un libro, e poi non c’è una sola parola scritta sulla carta. Intendo che la sua mente ci lavora per davvero. Evidentemente il libro s’è costruito ...
Leggi Tutto

Joshua Slocum

Il giro del mondo di un navigatore solitario

13.90

Mosso da un autentico spirito di avventura che fa di lui uno degli ultimi eroi della navigazione, nel 1895 il comandante Joshua Slocum decide di salpare dalle coste della Nuova Scozia per sfidare la forza degli oceani e circumnavigare il globo. Si trova così a replicare in solitaria le epiche gesta di Magellano, Cook, Vasco De Gama.

Dopo aver toccato Gibilterra, Sant’Elena, Timor, l’Australia, la Nuova Guinea, gran parte degli atolli corallini e delle isole del Pacifico, doppia ripetutamente il Capo di Buona Speranza e Capo Horn, due banchi di prova tuttora temutissimi. I grandi spazi, la solitudine che si stempera nell’occasionale compagnia di un banco di delfini o di un gabbiano, la furia degli elementi, la bellezza mozzafiato dei paesaggi, e soprattutto l’amore per la navigazione e la sfida ai propri limiti rivivono tra le pagine di questo diario di bordo. Il comandante Joshua Slocum ha rischiato più volte la sepoltura in mare, ma soprattutto ha vissuto intensamente ogni istante dei suoi viaggi.

<< Avevo deciso d’intraprendere un viaggio intorno al mondo e, visto che la mattina del 24 aprile 1895 il vento era favorevole, a mezzogiorno levai l’àncora, spiegai la vela e mi allontanai rapidamente da Boston, dove la Spray era rimasta comodamente ormeggiata per tutto l’inverno. Udii le sirene di mezzogiorno proprio mentre lo sloop s’allontanava a gonfie vele. (…) Il cuore mi batteva forte per l’emozione. >>

A CURA DI: Livio Crescenzi

PAGINE: 276

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-507-5 Collana:

Joshua Slocum nacque il 20 febbraio del 1844 ad Annapolis County, Nuova Scozia, scappò di casa per imbarcarsi a soli 14 anni ma subito vi fece ritorno. Partì definitivamente a 16 anni, nel 1860, quando sua madre morì, navigando in America ed Europa. Ottenne il suo primo comando in California nel 1869, e navigò per 13 anni sulle rotte fra San Francisco e la Cina, l’Australia, le isole delle spezie e il Giappone. Sposò una ragazza americana, Virginia Albertina Walker, il 31 gennaio nel 1871, a Sydney, in Australia. Comprò invece la sua prima casa sulla terraferma nel 1902, sull’isola Martha's Vineyard, nel Massachusetts. Nel 1895 decise di salpare dalle coste della Nuova Scozia per sfidare la forza degli oceani e circumnavigare il globo. Si trovò così a replicare in solitaria le epiche gesta di Magellano, Cook, Vasco De Gama. Continuò a viaggiare nel 1905 e 1906, trascorrendo ogni inverno ai tropici e tornando nel New England in estate. Il 14 novembre del 1909, a 65 anni, salpò in solitaria per un ennesimo viaggio nell’America del Sud, ma da allora non si ebbero più sue notizie.