Mark Twain

Come andarono i fatti

8.90

Continua la maratona “Opera Omnia” con una raccolta di romanzi brevi e racconti, molti dei quali mai pubblicati in Italia, tratti dall’edizione originale di Mark Twain’s Sketches New and Old Now First Published in Complete Form che lo stesso Mark Twain curò nel 1882 per l’editore The American Publishing Company. “Come andarono i fatti…”, è un titolo che Mark Twain usò spesso, e che tradisce la sua “ossessione” tipicamente americana per i “fatti” nudi e crudi. Qui non c’è ambito in cui i “fatti” nudi e crudi non aggiungano in punta d’ironia nuove fulminanti tessere allo sconfinato atlante delle miserie umane che Mark Twain redige meticolosamente.

<< La sensazione di avere di nuovo un lavoro era eccitante, e mi detti da fare moltissimo tutta la settimana senza un attimo di sosta. Andammo in stampa, e attesi con ansia tutto il giorno… Capite, ero curiosissimo di vedere se i miei sforzi sarebbero riusciti ad attrarre l’attenzione dei lettori. >>

TRADUZIONE: Livio Crescenzi

PAGINE: 160

ISBN: 978-88-6261-579-2 Collana:

Mark Twain è lo pseudonimo di Samuel Langhorne Clemens (1835-1910). Umorista, scrittore e conferenziere, Twain è considerato uno dei padri della narrativa americana. Tra i suoi numerosi capolavori, si ricordano Le avventure di Tom Sawyer (1876), Le avventure di Huckleberry Finn (1885), Un americano alla Corte di Re Artù (1889).