Herman Melville

Giacca bianca

22.00

Giacca bianca, ovvero il mondo visto da una nave da guerra, è il quinto romanzo di Hermann Melville. Pubblicato nel 1850, l’opera prende spunto dal servizio che lo scrittore svolse per più di un anno a bordo della fregata della Marina da Guerra degli Stati Uniti. Nel romanzo viene raccontata la crociera compiuta dalla fregata Neversink, nel viaggio di ritorno in patria dal Perù, doppiando Capo Horn. Numerosissimi i personaggi che costituiscono un variegato catalogo di umanità: dal protagonista (White Jacket), al comandante Claret, severo e imperioso; Selvagee, un tenente di vascello tirannico; Cuticle, il chirurgo di bordo; Lemsford, il marinaio aspirante poeta; su tutti spicca la figura di Jack Chase, un capocoffa, considerato dai compagni e dagli ufficiali come l’epitome del vero e buon uomo di mare.
 
| Noi marinai non navighiamo inutilmente. Espatriamo per sentirci abitanti dell’universo e in tutti i nostri viaggi intorno al mondo siamo sempre accompagnati dalle stelle, nostri compagni di viaggio e nostri compagni di bordo – che navigano nell’azzurro cielo, come noi navighiamo nell’azzurro mare aperto. […]
Oh, mi sia concessa di nuovo la vita errabonda – la gioia, l’emozione, il vortice!
Fatti sentire di nuovo, antico mare! Lasciami di nuovo saltare sulla tua sella. | H.M.
 

TRADUZIONE: Livio Crescenzi

PAGINE: 568

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-551-8 Collana:

(1819-1891) è stato scrittore, poeta e critico letterario. Autore nel 1851 del romanzo Moby Dick, tra i massimi capolavori dell'Ottocento, è considerato uno dei padri della letteratura americana.