Willa Sibert Cather

I racconti di Pittsburgh

9.90

I racconti di Pittsburgh ci presentano una Willa Cather più urbana, che – come una specie di Balzac al femminile – dipinge una città industriale, grigia e triste a cui a volte fa da contrasto una New York ricca e culturalmente vitale. Là dove New York rappresenta l’ideale, la Pittsburgh di Willa Cather è la realtà, il sogno infranto, il soffocamento delle diversità. Con una scrittura precisa, netta e al tempo stesso elusiva ed evocativa, Cather ci racconta l’intimità che si confronta con l’acciaio delle fabbriche, la fragilità che combatte con il sogno del successo, il coraggio della solitudine e dell’individualità, il tema della comunione del vivere e della diversità che fiorisce in disparte.

<< Tutto ciò che voleva era lì, tangibile davanti a lui, come il mondo fatato di una pantomima di Natale, ma c’erano spiriti beffardi che montavano di guardia alle porte, e, mentre la pioggia gli soffiava sul viso, Paul si chiedeva se il suo destino non sarebbe per sempre stato quello di rimanersene là fuori a osservare ciò che desiderava tremando nella notte scura. >>

A CURA DI: Nicola Manuppelli
PAGINE: 80

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-511-2 Collana:

Willa Sibert Cather (1873-1947). È una dei cantori della vita di frontiera americana. Nel 1923 ha vinto il Premio Pulitzer per il romanzo One Of Ours. Cresciuta in Nebraska, ha lavorato a Pittsburgh per dieci anni, per poi trasferirsi a New York dove ha passato il resto della vita. Fra i suoi romanzi si ricordano My Ántonia del 1918, A Lost Lady del 1923 (Una signora perduta, tradotto da Eva Kampmann, per Adelphi nel 1990), My Mortal Enemy del 1926 e Death comes for the Archbishop del 1927.