Alberto Rosselli

I vichinghi in America – Le mutazioni climatiche e l’espansione vichinga oltre oceano

6.00

Studiare i complessi rapporti tra il Clima e la Storia è certamente un impegno affascinante, anche se molto delicato…

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-472-6 Collana:
Rassegna Stampa

…Anche perché se è vero che ogni determinismo climatico risulta ragionevolmente improponibile – ritenere, cioè, che le variazioni climatiche possano automaticamente determinare mutamenti storici – è però necessario reputare le fluttuazioni delle temperature quali elementi sostanziali per una più profonda comprensione dei fenomeni storici.
Nel rapporto tra mutazioni climatiche medioevali e culture umane, nella fattispecie quella nordica scandinava, fu il popolo vichingo a sfruttare meglio e per primo l’‘optimum climatico’ medioevale e a dare un prezioso apporto allo sviluppo dell’Europa.

Tra la fine del X e l’inizio del XII secolo d.C., gran parte delle terre europee e nordamericane furono interessate dal più rimarchevole innalzamento della temperatura registrato in epoca post-glaciale. Tale situazione, chiamata dagli scienziati “optimum climatico medioevale” o Mediaeval Warm Period (PCM) favorì non soltanto la ripresa della vita economica e culturale del Continente, ma indusse anche popoli navigatori, come i Vichinghi, a spingere le loro piccole navi in pieno Oceano Atlantico settentrionale e verso il Circolo Polare Artico.

Condividi questo articolo su Share on Facebook
Facebook
Additional Information

Alberto Rosselli. Giornalista e saggista storico ha collaborato e collabora da tempo con numerosi quotidiani italiani ed esteri e con svariati siti internet tematici di storia, etnologia, storia militare, diplomatica e geopolitica. Rosselli ha al suo attivo alcune opere di narrativa e numerosi saggi. Attualmente è direttore responsabile della Rivista trimestrale Storia Verità (www.storiaverita.org).