Ambrose Gwinnett Bierce

Il colpo di grazia

10.00

Lessicografo del Diavolo, cinico dei cinici, Ambrose G. Bierce è “Bitter Bierce”, l’amaro, ma anche lo scrittore impareggiabile della Guerra Civile americana.
L’attenzione dello scrittore per la Guerra Civile non derivò da un interesse esclusivamente letterario, quanto piuttosto dal suo lavoro di giornalista. Centrale in questi racconti il carattere fratricida della Guerra Civile americana: L’episodio di Coulter’s Notch narra la storia del capitano Coulter, un virginiano arruolato tra le file dell’Unione, che riceve l’ordine di bombardare – tema quanto mai attuale – con i suoi pezzi d’artiglieria un’abitazione accanto alla quale è schierato il nemico. Ma è anche la guerra vista dagli occhi di un bambino che, armato di una spada di legno, si perde nel bosco inseguendo per gioco nemici immaginari, imbattendosi poi nei reduci di un massacro.
In appendice – imperdibile – il resoconto di uno straordinario incontro tra l’Autore e Oscar Wilde.

 

| Il medico militare guardò con un’espressione seria ed eloquente l’aiutante maggiore. Gli occhi del generale si chiusero piano piano, e per alcuni istanti rimase così; poi, con un sorriso d’ineffabile dolcezza sul volto, disse con un filo di voce: “Ecco… sto per morire, credo” e si spense.| a. b.

TRADUZIONE: Livio Crescenzi

APPENDICE: Don Swaim

PAGINE: 120

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-632-4 Collana:

Ambrose Gwinnett Bierce (1842-1913). È stato uno scrittore, giornalista e aforista statunitense, tra i più noti della San Francisco a cavallo tra il 1850 e i primi anni del xx secolo. Anche se deve la sua fortuna letteraria all’opera Dizionario del Diavolo, i suoi racconti sono considerati tra i migliori del xix secolo, in particolare quelli di guerra. Quelli fantastici invece, anticiparono lo stile del grottesco che sarebbe diventato un vero e proprio genere letterario nel xx secolo.