PROGETTI SPECIALI

MARK TWAIN OPERA OMNIA

CENTOTRENTACINQUE

Robert Louis Balfour Stevenson

Il padiglione sulle dune

14.90

Brevi romanzi, quelli di questo secondo volume, capitali quanto all’evolversi del cammino stevensoniano. Se Un tetto per la notte anticipa quella seduzione dell’elemento satanico che costituirà l’essenza di tanti romanzi dello scrittore scozzese, il racconto Il Padiglione sulle dune segna il primo passo verso quella scissione romanzesca della personalità che condurrà al celeberrimo Dottor Jekyll e Mister Hyde. Nei fratelli-antagonisti Northmour e Cassilis, Stevenson scinde le caratteristiche di una persona disseminandole fra due (o più) personaggi. E non c’è dubbio che il libero pensatore Northmour sia la maschera scapigliata dello stesso Stevenson, come lo è d’altra parte il virtuoso e leale Cassilis.
 
| Una dopo l’altra cominciarono ad aprirsi le finestre; facce gonfie di sonno sbirciarono nel chiarore delle stelle. Davanti alla casa s’intravedevano due figure, entrambe dritte impalate, con la testa rovesciata all’indietro e gli occhi che interrogavano il cielo stellato; la chitarra gemeva, vibrava, gridava e risuonava come una mezza orchestra; e le voci, con un’emissione decisa e vivace, lanciavano il ritornello verso la finestra del commissario. | R.L.S.
 
TRADUZIONE: Livio Crescenzi

PAGINE: 164

ISBN: 978-88-6261-597-6 Collana:
Share this product!

Robert Louis Balfour Stevenson (1850-1894). Nel 1871 cominciò a collaborare come letterato alla Edinburgh University Magazine da cui si fece pubblicare alcuni saggi. È solo nel 1878, tuttavia, con la pubblicazione di An Inland Voyage – impressioni di un viaggio in canoa attraverso i fiumi e i canali della Francia settentrionale che egli riuscì ad affermare il suo geniale spirito d'osservazione e il suo delizioso umorismo. Nel 1886 scrisse Dr. Jekyll and Mr Hyde, romanzo che contribuì molto ad estendere quella popolarità che la pubblicazione de L'isola del tesoro, avvenuta nel 1883, gli aveva procurato. Dopo molti viaggi nei mari del sud, stabilì la sua dimora a Upolu, la principale delle isole Samoa. Qui visse dal 1890 fino alla morte.