PROGETTI SPECIALI

logo
PROCESSO EICHMANN

Il progetto integrale degli atti processuali del processo Eichmann
ha preso vita attraverso 4 volumi di carattere antologico,
pubblicati dal 2014 al 2016

logo
MARK TWAIN OPERA OMNIA

Nel 2014 – dopo una serie di titoli sparsi pubblicati negli anni –
prende il via il progetto ambizioso e visionario di tradurre tutta l’opera di Mark Twain.
Il progetto non segue un ordine cronologico ed è curato da Livio Crescenz

logo
CENTOTRENTACINQUE
Collana diretta da Filippo Tuena

La collana centotrentacinque esce in occasione del cxxxv anniversario
della fondazione della casa editrice, con una tiratura di 135 copie
numerate con numeri arabi, più 15 con numeri romani e fuori commercio.
La collana è disponibile al pubblico sul sito della casa editrice.

Il poeta della scienza – Vita del professore Luigi Di Bella

28.00

“L’animo mi dice che non sono vissuto inutilmente, perché ho fatto del bene ed ho gioito per il bene fatto”. Queste parole, scritte da Luigi Di Bella pochi mesi prima della morte, racchiudono il segreto dell’incessante attività dello scienziato fino all’ultimo dei suoi giorni. Il libro, aderente alla realtà dei fatti e rigorosamente documentato, conduce il lettore dalla sofferta infanzia del “Poeta della scienza”, alla povertà della giovinezza; dall’incontro con il maestro – il Prof. Pietro Tullio, candidato al Nobel nel 1930 e nel 1932 – all’appassionato amore per la moglie Francesca; dal primo lavoro scientifico pubblicato ancora diciannovenne, al conseguimento delle tre lauree; dai concorsi nazionali vinti, alla prima esperienza di insegnamento universitario; dal premio conferitogli da Guglielmo Marconi al conseguimento di due docenze, fino al periodo dei clamori mediatici e della contestata sperimentazione. Ne emerge il ritratto, di un uomo animato da alte idealità intellettuali ed umanitarie, venerato dai pazienti e stimato da molti colleghi, a volte loro malgrado; ma ritratto anche della trasformazione di un’intera società e di un intero mondo, che Luigi Di Bella ha cercato in tutta la sua vita di ricondurre verso l’alba di una recuperata visione della scienza, della medicina e dell’umanità.

“….è il bisogno di offrire una base di conforto a chi si avvia disperato verso una ineluttabile fine; è la nostalgia di varcare le soglie dell’avvilente impotenza professionale malamente coperta da ambigue affermazioni e futuristiche, immaginarie promesse, intanto che l’Umanità soffre, piange e muore”
Luigi Di Bella

L’AUTORE
Adolfo Di Bella (Modena, 30/01/1948), secondogenito del Prof. Luigi Di Bella, si è laureato in giurisprudenza dopo avere conseguito la maturità classica. Durante la vita dello scienziato, lo ha coadiuvato nei rapporti esterni e nella corrispondenza.
È autore di un libro, pubblicato nel 1999, florilegio commentato delle lettere giunte al fisiologo fin dai primi anni settanta. Attualmente è impegnato, insieme al fratello maggiore Giuseppe – medico – nella divulgazione dell’opera del padre.

Esaurito

Inviami una notifica quando tornerà disponibile

ISBN: 978-88-6261-278-4 Collana:
Share this product!
Rassegna Stampa

“L’animo mi dice che non sono vissuto inutilmente, perché ho fatto del bene ed ho gioito per il bene fatto”. Queste parole, scritte da Luigi Di Bella pochi mesi prima della morte, racchiudono il segreto dell’incessante attività dello scienziato fino all’ultimo dei suoi giorni. Il libro, aderente alla realtà dei fatti e rigorosamente documentato, conduce il lettore dalla sofferta infanzia del “Poeta della scienza”, alla povertà della giovinezza; dall’incontro con il maestro – il Prof. Pietro Tullio, candidato al Nobel nel 1930 e nel 1932 – all’appassionato amore per la moglie Francesca; dal primo lavoro scientifico pubblicato ancora diciannovenne, al conseguimento delle tre lauree; dai concorsi nazionali vinti, alla prima esperienza di insegnamento universitario; dal premio conferitogli da Guglielmo Marconi al conseguimento di due docenze, fino al periodo dei clamori mediatici e della contestata sperimentazione. Ne emerge il ritratto, di un uomo animato da alte idealità intellettuali ed umanitarie, venerato dai pazienti e stimato da molti colleghi, a volte loro malgrado; ma ritratto anche della trasformazione di un’intera società e di un intero mondo, che Luigi Di Bella ha cercato in tutta la sua vita di ricondurre verso l’alba di una recuperata visione della scienza, della medicina e dell’umanità.

“….è il bisogno di offrire una base di conforto a chi si avvia disperato verso una ineluttabile fine; è la nostalgia di varcare le soglie dell’avvilente impotenza professionale malamente coperta da ambigue affermazioni e futuristiche, immaginarie promesse, intanto che l’Umanità soffre, piange e muore”
Luigi Di Bella

L’AUTORE
Adolfo Di Bella (Modena, 30/01/1948), secondogenito del Prof. Luigi Di Bella, si è laureato in giurisprudenza dopo avere conseguito la maturità classica. Durante la vita dello scienziato, lo ha coadiuvato nei rapporti esterni e nella corrispondenza.
È autore di un libro, pubblicato nel 1999, florilegio commentato delle lettere giunte al fisiologo fin dai primi anni settanta. Attualmente è impegnato, insieme al fratello maggiore Giuseppe – medico – nella divulgazione dell’opera del padre.

Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il poeta della scienza – Vita del professore Luigi Di Bella”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Nessun autore assegnato a questo libro