William Goldman

Io sono Raymond

15.90

Illinois, fine anni ’50. Raymond Euripides Trevitt ha otto anni, è carino, ha un temperamento irrequieto e vuole trovare la sua identità, il suo posto nel mondo. Il passaggio dall’età dell’innocenza all’adolescenza lo cambierà profondamente, ponendolo di fronte a domande universali la cui sola risposta può arrivare dall’esperienza diretta. Come accadde all’Holden Caulfield di Salinger, Ray capirà attraverso le vittorie e i fallimenti, le amicizie e gli amori, i tradimenti e gli abbandoni, che l’unico modo per conoscere se stessi è accettare le esperienze che la vita ci pone innanzi. Un toccante e luminoso racconto su che cosa significhi affrontare un rito di passaggio, inevitabile e necessario.
 
| Nonimporta,” disse Zock, placidamente. I suoi occhi erano chiusi, le mani intrecciate dietro la testa. “Niente importa, quando hai capito tutto. Quando hai tutte le risposte. | W.G.
 
TRADUZIONE: Nicola Manuppelli

PAGINE: 264

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-201-2 Collana:

William Goldman. Nato a Highland Park nel 1931, è uno scrittore e sceneggiatore statunitense. Inizia a scrivere da giovanissimo. La penna e l'amore per il grande schermo trionfano nel 1976, anno in cui Il maratoneta sbanca al botteghino. Il film, con protagonisti Dustin Hoffman e Laurence Olivier, è tratto dall'omonimo romanzo di Goldman, che firma anche la sceneggiatura. Ha vinto l'Oscar per la migliore sceneggiatura originale nel 1970 per il film Butch Cassidy e nel 1977 l'Oscar per la migliore sceneggiatura non originale con Tutti gli uomini del presidente. È autore di numerosi romanzi, per adulti e per bambini. La principessa sposa (Marcos y Marcos) è uscito in Italia nel 2007.