Joseph Conrad

Memorie

15.90

Questo affascinante testo, pubblicato originariamente nel 1912 con il titolo A Personal Record, e poi ripubblicato con il sottotitolo Some Reminiscences, è un’opera autobiografica (o meglio il frammento di un’autobiografia). Ricco di poesia e di annotazioni sul processo creativo dello scrittore, Memorie costituisce la principale fonte di informazioni sulla vita dell’autore, dagli anni di scuola nella Polonia dominata dai Russi, agli anni della navigazione, passando per l’influenza dello zio Tadeusz e il lavoro di stesura di Almayer’s Folly, il suo primo romanzo.
 
| Si possono scrivere libri in qualunque luogo. La parola ispiratrice può anche insinuarsi nella cuccetta di un marinaio; e siccome i santi dovrebbero vegliare benigni su noi umili  credenti, mi piace fantasticare che l’ombra del vecchio Flaubert possa aver indugiato con un certo divertito interesse sui ponti dell’Adowa, un piroscafo a bordo del quale il decimo capitolo di La follia di Al mayer incominciava a prendere forma. | J.C.
 

TRADUZIONE:  Cecilia Mutti

PAGINE: 144

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-159-6 Collana:

(Berdichev, 1857 - Canterbury, 1924), figlio di un poeta e patriota polacco, entrò in contatto per la prima volta con la lingua inglese all'età di otto anni. Con un lavoro su un brigantino diretto in Martinica nacque in lui l'amore per la vita di mare, evidente in romanzi come Lord Jim, Nostromo e Cuore di tenebra. Scelse, dunque, la carriera letteraria quando aveva già trentasei anni. I suoi romanzi non furono, durante la sua vita, dei grandi successi commerciali.