Charles Dickens

Perdersi a Londra

10.00

Pochi conobbero e amarono Londra come Charles Dickens. In queste due prose autobiografiche il celebre scrittore vittoriano, con una sensibilità analoga a quella di Baudelaire per la sua Parigi, racconta la città da due diversi punti di vista: quello del bambino che si smarrisce nella zona di St. Giles, una delle più povere a quei tempi, e quello di un giovane che, per conciliare un sonno difficile, vaga senza una meta per tutta la notte annotando ogni dettaglio con la precisione di uno scienziato, o di un poeta.
 
| E così girovagai per la City, come un bimbo in un sogno, guardando a lungo i mercanti inglesi e ispirato da una potente fede nella straordinarietà di ogni cosa. Su e giù per cortili, dentro e fuori i recinti e le piccole piazze, una sbirciata nei corridoi degli uffici per poi fuggire via. | C.D.
 
TRADUZIONE: Maria Giorda

POSTFAZIONE: Alessandro  Vescovi

PAGINE: 88

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-030-8 Collana:

Nacque a Portsmouth nel 1812 ma si trasferì ben presto a Londra dove visse fino alla sua morte, nel 1870. Autore di bestseller come Oliver Twist, David Copperfield o il Canto di Natale, Dickens fu anche filantropo, editore di due periodici, giornalista e opinion maker. La prosa di Dickens ci sorprende oggi per la sua straordinaria modernità e per la capacità di evocare scene e personaggi che pochi altri contemporanei hanno descritto.