Gina Berriault

Piaceri rubati

14.00

Celebrati da Andre Dubus, Richard Ford e Richard Yates, ognuno di questi racconti – unici e non assimilabili – contiene mondi interi, abitati da donne e uomini, sorelle e figlie, padri e madri distanti, persone alle quali la maggior parte di noi non presterebbe attenzione, che nelle mani dell’autrice prendono vita e spessore. Unico filo conduttore un’inevitabile inquietudine che il lettore prova nella lettura e lo squisito disagio che rimane alla fine. Gina Berriault aveva il dono di saper attingere alle emozioni dell’amore, della speranza e del dolore, tanto da renderle palpabili. “Alcuni racconti brevi – sosteneva – sono vicini alla poesia: poche parole che catturano l’essenza di una situazione e di un essere umano. Nient’altro che il tentativo di fissare un momento in eterno.”

 

| La domenica calava polverosa e pesante su quei tetti piatti e loro rimanevano lì ad amarsi, poi dormivano con le coperte buttate ai piedi del letto. A turno preparavano qualcosa da mangiare e quando lei era accanto ai fornelli, nuda nell’oscurità, lui le diceva: “Vieni qui, lascia perdere il resto.” Quelle domeniche risalivano al primo anno; poi lui aveva iniziato a uscire senza di lei.| G. B.

 

TRADUZIONE DI: Francesca Cosi e Alessandra Repossi

PAGINE: 208

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-647-8 Collana:

Gina Berriault (1926-1999) è autrice di quattro romanzi, tre raccolte di racconti e diverse sceneggiature. Il suo lavoro è stato ampiamente pubblicato da riviste quali Esquire, The Paris Review e Harper’s Bazaar. Nel 1996 un’antologia che riuniva anche i racconti qui presentati ha vinto il premio PEN / Faulkner, il National Book Critics Circle Award e il Bay Area Book Reviewers Award. Nel 1997 è stata scelta come vincitrice del Premio Rea per la Short Story. Questa è la prima traduzione in italiano.