Walt Whitman

Un sillabario americano

8.90

Appunti di Whitman sulla lingua americana e sulle sue idee in proposito: versioni linguistico-culturali della Dichiarazione d’Indipendenza. “In questa nazione indipendente, il nostro onore ci richiede un sistema linguistico e di governo autonomi”. Whitman supera però l’idea di altri scrittori e linguisti quanto all’esigenza di un’unificazione linguistica all’interno dell’America, per abbracciare il regionale e il particolare, privilegiando, rispetto all’unità nazionale, l’idea della complessità socio-linguistica e dell’uguaglianza sociale. Il suo Sillabario termina con una riflessione sulla storia di una cultura inscritta nel suo linguaggio. In Song of Myself Whitman scrive: “Anch’io non sono domato (…) Anch’io faccio risuonare il mio barbaro yawp sui tetti del mondo.”
 
| Le parole sono potenti. Lentamente, inevitabilmente, muovono le anime della terra. Le parole del cosmo, le parole della libera espansione del pensiero, della storia, della letteratura, mostrano se stesse – con la fronte, il collo e il petto muscolosi. Le ho strette con le braccia – le ho sfiorate con le labbra. | W.W.
 
TRADUZIONE: Livio Crescenzi
PAGINE: 96

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-609-6 Collana:

Walt Whitman (1819-1892) è forse il più celebre poeta americano. Dopo una breve formazione scolastica, Whitman si dedica ai più svariati mestieri: è prima ragazzo di studio presso un medico e un avvocato, quindi tipografo e insegnante. A New York cerca di farsi strada nel mondo letterario e giornalistico, lavorando nelle redazioni di numerosi quotidiani. Nel 1855 pubblica a sue spese la prima edizione di Leaves of Grass. La raccolta di poesie gli vale diverse condanne per l'"immoralità" dei contenuti. Tuttavia si susseguono edizioni sempre più ravvicinate dell'ormai celebre libro. Allo scoppiare della guerra civile, Whitman lavora come volontario per l'esercito. Nel 1873 ha un colpo apoplettico e resta parzialmente paralizzato. Il suo precario stato di salute non gli impedisce di viaggiare e di tenere conferenze in diverse città americane, continuando intanto a scrivere e a curare le edizioni delle sue opere. Alla fine del 1891 le condizioni di Whitman si aggravano, mentre va in stampa l'ennesima edizione di Leaves of Grass. Muore nel marzo del 1892.