Mark Twain

Wilson lo Svitato e i Gemelli Straordinari

18.90

Proposto per la prima volta al lettore italiano nella sua forma originaria – così come pubblicato nel 1894 – questo volume racchiude due testi ‘gemelli’. Twain stesso racconta, nella sua introduzione e nelle altre note al volume, di un primo abbozzo nel quale prova l’incastro di due vicende in una, una farsa e una tragedia. Poi si accorge di non poterle tenere insieme e le divide. Da questa operazione chirurgica, ecco dunque nascere Wilson lo Svitato e I Gemelli straordinari, che è la parte farsesca del concepimento iniziale. Wilson lo svitato è un giovane avvocato di belle speranze ma di scarsa fortuna che, appena giunto in città, a causa di una battuta infelice viene scambiato per sciocco. Sarà lui a risolvere lo strano caso dei bambini scambiati nella culla da Rowena, la schiava dalla pelle bianca. In secondo piano appaiono qui due gemelli italiani, protagonisti invece dell’inedito testo I gemelli straordinari. Si tratta però in questo secondo caso di gemelli siamesi, e l’effetto, benché oggi possa apparire poco rispettoso, è di una comicità sconfinata: un paradossale uomo a due teste, l’una gentile, l’altra rozza, l’una astemia e l’altra alcolista. Mark Twain, al meglio del suo feroce umorismo, indaga la doppia natura dell’animo umano.

| Adamo non era che un uomo – e questo spiega tutto. Non voleva la mela per amore della mela, la voleva solo perché era proibita. L’errore fu di non proibire il serpente; in quel caso allora avrebbe mangiato il serpente. | M.T.

A CURA DI: Livio Crescenzi e Silvia Zamagni
PAGINE: 274

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-305-7 Collana:

Mark Twain è lo pseudonimo di Samuel Langhorne Clemens (1835-1910). Umorista, scrittore e conferenziere, Twain è considerato uno dei padri della narrativa americana. Tra i suoi numerosi capolavori, si ricordano Le avventure di Tom Sawyer (1876), Le avventure di Huckleberry Finn (1885), Un americano alla Corte di Re Artù (1889).