Nuvole e Libri

Ecco fatto. Un'altra edizione di Più Libri Più Liberi si è chiusa. Contenti torniamo casa, pieni di idee e di stimoli: l'incontro coi nostri lettori è sempre importante e questi giorni a Roma sono stati densi di parole, sguardi, consigli, strette di mano: insomma siamo soddisfatti. Un grazie a tutti ...
Leggi Tutto

Mark Twain, Mark Twain, Mark Twain.

Il soldato ferito. Nel corso di una certa battaglia, un soldato a cui un colpo di cannone aveva asportato una gamba, implorò un altro soldato che correva accanto a lui di portarlo nelle retrovie, informandolo della perdita che aveva subìto; al che il generoso figlio di Marte, caricandosi sulle spalle ...
Leggi Tutto

Jack Engle e le Foglie d’erba: un Whitman sconosciuto e misterioso

La scoperta di questo romanzo perduto è in sé una storia bellissima: nel 2016 da Zachary Turpin, studioso dell’University of Houston che lavorava su enormi database che comprendono milioni di pagine di giornali del sec. XIX, inserisce alcuni nomi e frasi tratti da note frammentarie su un possibile romanzo relativo ...
Leggi Tutto

Il lusso del racconto secondo Irwin Shaw

Shaw - famoso per i suoi grandi romanzi - ha scritto alcuni dei racconti più belli della narrativa americana. La raccolta 'L'amore in una strada buia' che sarà in libreria nelle prossime settimane è un piccolo gioiello. Ed ecco cosa scrive lo stesso Shaw nella prefazione al volume a proposito ...
Leggi Tutto

40 gradi all’ombra? Sconto del 20% su tutti i Classici

Basta un click per ricevere - con il 20% di sconto e senza nessuna spesa di spedizione - uno dei nostri Classici direttamente sotto il vostro ombrellone. Jack London per fare la Rivoluzione inieme a lui? Forse A.B. Guhrie per i suoi cieli sconfinati? Rebecca West? Theodore Dreiser? Oppure Mark ...
Leggi Tutto

Il Laureato: prefazione di Paolo Cioni

Nel 1963, quando The Graduate esce in America, Webb ha solo ventidue anni. Ispirato forse a una reale relazione con una donna matura conosciuta a Pasadena, affascinante e sposata, il romanzo crea un piccolo scandalo ma ha un moderato riscontro di vendite. È infatti con l’uscita del film omonimo, diretto ...
Leggi Tutto

Charles Webb / Il Laureato

| Benjamin Braddock si laureò in un piccolo college dell’Est in un giorno di giugno. Prese un aereo e tornò a casa. La sera dopo i suoi genitori diedero una festa in suo onore. Alle otto quasi tutti gli ospiti erano arrivati ma Benjamin era rimasto in camera sua. Suo ...
Leggi Tutto

Theodore Dreiser / Il Titano

| Quando Frank Algernon Cowperwood uscì dal Penitenziario Distrettuale di Philadelphia si rese conto che era per sempre finita la vita di un tempo che aveva trascorso in quella città, sin dalla fanciullezza. La gioventù ormai era finita, portandosi via tutte le prospettive di una grande posizione nel mondo degli ...
Leggi Tutto

Elliott Chaze: Il mio angelo ha le ali nere

| Erano ben quattro mesi che mi ammazzavo di lavoro su una trivellatrice presso il fiume Atchafalaya, infilando lunghe sonde argentate nel terreno, trascinando i sacchi con il fango della perforazione dalla chiatta fino a riva, spezzandomi la schiena e logorandomi le budella, ma tenendo la mente libera dai pensieri ...
Leggi Tutto

Jerome K. Jerome / Cura e manutenzione della donna

Sulla cura e la manutenzione della donna Una volta mi capitò di confrontarmi con un’amica sul tema della luna di miele. Le chiesi, “Consiglieresti una lunga luna di miele o piuttosto un weekend lungo da qualche parte?” Seguì un gelido silenzio. Penso stesse guardando al passato più che al futuro ...
Leggi Tutto

Theodore Dreiser / Il Titano

| Quando Frank Algernon Cowperwood uscì dal Penitenziario Distrettuale di Philadelphia si rese conto che era per sempre finita la vita di un tempo che aveva trascorso in quella città, sin dalla fanciullezza. La gioventù ormai era finita, portandosi via tutte le prospettive di una grande posizione nel mondo degli affari, così come aveva sognato da giovanotto. Dunque, doveva ricominciare da capo. Sarebbe inutile star qui a raccontare come avvenne che, una seconda ondata di panico in borsa, a seguito di un enorme fallimento – quello della Jay Cooke & C. – gli aveva permesso di ritrovarsi di nuovo tra le mani un grosso patrimonio, e come questa ritrovata ricchezza lo avesse alquanto placato. Sembrava proprio che al destino stesse particolarmente a cuore il suo personale benessere. Comunque sia, non ne poteva più della borsa come mezzo per arricchirsi, e a quel punto decise d’abbandonare per sempre quell’attività. Si sarebbe messo a fare qualche altra cosa – ferrovie, compra-vendita d’immobili, o un’altra di quelle sconfinate opportunità che il lontano Ovest offriva. Insomma, Philadelphia non gli andava più a genio. Sebbene ormai fosse libero e ricco, era ancora una pietra di scandalo per gli ipocriti che infestavano quella città, e il mondo finanziario e la buona società non erano disposti ad accettarlo. Doveva andarsene, doveva rifarsi una strada da solo, senza appoggi, o almeno aiutato solo in segreto, mentre i suoi amici d’un tempo avrebbero seguìto i suoi passi solo da lontano. Dunque, con queste idee in testa, un bel giorno prese il treno, e la sua deliziosa ragazza, che all’epoca aveva solo ventisei anni, andò a salutarlo alla stazione. Lui la fissò con tenerezza, perché la giovane era la quintessenza d’un certo tipo di bellezza femminile. “Ciao, tesoro” la salutò sorridendo, mentre la campana annunciava che il treno stava per partire. “Vedrai, presto tu e io ce n’andremo di qui. Non piangere… Tornerò tra due o tre settimane, o ti farò venire. Non ti porto con me ora solo perché non so nulla di quelle parti, laggiù. Ma vedrai… ci sistemeremo in qualche posto, e allora sì che risolverò anche questa faccenda. Non vivremo sempre nascosti. Divorzierò e ci sposeremo, e tutto andrà bene. Ah, basta avere i soldi.” La guardò con i suoi grandi occhi, freddi e penetranti, e la ragazza gli strinse il volto tra le mani. “Oh, Frank” esclamò. “Mi mancherai tanto! Sei tutto quello che ho.” “Tra due settimane…” sorrise, non appena il treno iniziò a muoversi. “Sarò di ritorno o ti manderò un telegramma. Stammi bene, dolcezza.” La ragazza lo seguì con occhi adoranti – una bambina pazzamente innamorata e viziata, la cocca di tutti, amorosa, appassionata e affettuosa, il tipo di donna verso cui un uomo del genere non può fare a meno d’avere un debole – scosse il capo con la sua massa di bei capelli rosso-oro e con la mano gli lanciò un bacio. Poi s’allontanò camminando con la sua andatura morbida e sinuosa – quel genere che fa voltare gli uomini. |

Condividi questo articolo su Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn


×
Privacy & Cookie Policy
Questo sito usa i cookie. Le informazioni sulla tua navigazione non sono condivise con terze parti. Navigando nel sito accetti la politica dei cookie. Privacy Policy