Un romanzo di Walt Whitman?

Proprio così. Fra qualche settimana sarà in libreria la prima traduzione del romanzo d’esordio di Walt Whitman. Molti di voi si sorprenderanno d’apprendere che prima di Foglie d’erba (1855), e prima di conquistarsi la fama di “poeta d’America”, Whitman si fosse fatto conoscere come giornalista e autore di narrativa. Tra il 1841 e il 1848, Whitman pubblicò infatti non meno di ventitré racconti e soprattutto Franklin Evans, l’Ubriaco. Un racconto dei tempi, romanzo di formazione incentrato su un terribile delitto.

Nel 1842, Park Benjamin, il direttore del giornale The New World chiese a Whitman di scrivere «un breve romanzo per una giusta causa», che poi fu pubblicato la prima volta quello stesso anno. Il romanzo fu poi pubblicato una seconda volta nel 1846, dopo aver subìto un adattamento che comportò tagli significativi (più di un terzo), e con un diverso titolo: Fortunes of a Country-Boy. Incidents in Town and his Adventure at the South. Nel 1888, quattro anni prima della sua morte, Whitman spiegò all’amico e biografo Horace Traubel come mai avesse scritto il romanzo. Riflettendo su queste pagine scritte all’età di ventitré anni, Whitman disse: «Mi misi subito sotto a lavorare, con l’aiuto di una bottiglia di porto… Finii il libro in soli tre giorni, lavorando come un forsennato».

 

Condividi questo articolo su Share on Facebook
Facebook