PROGETTI SPECIALI

logo
PROCESSO EICHMANN

Il progetto integrale degli atti processuali del processo Eichmann
ha preso vita attraverso 4 volumi di carattere antologico,
pubblicati dal 2014 al 2016

logo
MARK TWAIN OPERA OMNIA

Nel 2014 – dopo una serie di titoli sparsi pubblicati negli anni –
prende il via il progetto ambizioso e visionario di tradurre tutta l’opera di Mark Twain.
Il progetto non segue un ordine cronologico ed è curato da Livio Crescenz

logo
CENTOTRENTACINQUE
Collana diretta da Filippo Tuena

La collana centotrentacinque esce in occasione del cxxxv anniversario
della fondazione della casa editrice, con una tiratura di 135 copie
numerate con numeri arabi, più 15 con numeri romani e fuori commercio.
La collana è disponibile al pubblico sul sito della casa editrice.

Vasi rotti / Andre Dubus (incipit)

 

Durante il nostro primo anno in New England abitavamo in una casa molto vecchia nel New Hampshire meridionale. Il padrone di casa voleva qualcuno che occupasse l’abitazione mentre si trovava fuori dallo stato per lavoro. L’affitto era di cento dollari al mese; la casa, completamente arredata, aveva sette caminetti (di cui due funzionanti) e una piscina nel cortile. C’erano trenta ettari di terra, in gran parte boscosa, a eccezione di un lungo prato, sufficientemente in pendenza per poterci andare in slitta. C’erano anche tre cani, otto pecore, un roseto, e un custode, che chiamerò Jim: un uomo sui trent’anni, che viveva in città, dove faceva altri lavoretti e veniva spesso a casa nostra a controllare il prato, la pompa della piscina, le pecore e le rose. La proprietaria della casa voleva che le rose fossero a posto al suo ritorno alla fine di quell’anno di assenza, e lo stesso valeva per il padrone di casa con le pecore. Erano otto grosse pecore e le aveva cresciute lui stesso. Stavano chiuse dentro una recinzione di filo metallico che occupava gran parte del prato. C’era anche un capanno, dove le bestie dormivano, e tutto quel che dovevamo fare era assicurarci che non riuscissero a oltrepassare la recinzione; se ciò fosse avvenuto, avremmo dovuto prenderle e rimetterle nel terreno recintato. Era la prima volta che mi capitava di avere a che fare con delle pecore. Da ragazzo, le pecore per me erano state quelle che vedevo nei film western; i pastori coi loro greggi che interferivano con il bestiame dell’eroe; oppure il cattivo di turno che vantava una sua personale idea dello ius pascendi a spese degli sforzi dell’eroe per allevare le proprie pecore. E
poi c’era l’immagine di Cristo, che ci chiamava il suo gregge, le sue pecore; spesso era ritratto con un agnello in braccio, e il suo viso era tenero e amorevole. Così, ero cresciuto in balia di questi sentimenti, con l’idea di provare anch’io le stesse cose. Eravamo pecore, dolci e adorabili. Ma dopo qualche settimana in quella casa nel New Hampshire, capii che l’analogia di Cristo aveva tutto un altro significato. La verità era che eravamo bestie stupide e indifese; e che senza controllo, avremmo finito per distruggerci con le nostre mani come folli.

traduzione di Nicola Manuppelli



NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!