Ilenia Menale

La guerra oltre la notizia. Note sul giornalismo di guerra

12.90

L’autrice, Ilenia Menale, avvalendosi del supporto di due grandi giornalisti ed ex inviati di guerra, Franco Di Mare e Toni Capuozzo, descrive le paure, le angosce, le sensazioni e le inquietudini di chi ha visto morire e ha temuto per la propria vita. I due giornalisti sostengono l’importanza di esternare i propri sentimenti come in un percorso terapeutico, attraverso la narrazione e il racconto, quasi come uno sfogo personale.
Franco Di Mare, giornalista Rai, da anni conduce Uno Mattina. È stato per lungo tempo inviato di guerra: Bosnia, Kosovo, Somalia ed Eritrea, solo per citare alcuni dei conflitti da lui seguiti. Tentando di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della guerra, racconta storie di violenza, paura e speranza vissute durante la sua vita da corrispondente.
Toni Capuozzo, giornalista Mediaset e conduttore dello storico programma televisivo Terra narra le vicende belliche e di guerriglia dell’America Latina dove era inviato per il giornale Lotta Continua.
Il volume si sofferma anche su alcune note della storia del giornalismo di guerra e presenta riferimenti biografici di alcuni storici inviati al fronte: William Howard Russell, Luigi Barzini, Ernest Hemingway, Indro Montanelli, Ryszard Kapuscinski e Tiziano Terzani.

PAGINE: 104

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-574-7 Collana:

Giornalista pubblicista e insegnante di giornalismo, nasce a Napoli il 31 ottobre 1983. Laureatasi nel 2010 in Economia Aziendale e Management presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II ha conseguito nel 2016 una seconda laurea in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d’Impresa presso l’Università La Sapienza di Roma. Scrive per alcune testate occupandosi di vari temi: economia, politica, inchieste. Sempre attenta ai temi sociali e relativi alla crisi economica che colpisce le famiglie italiane, ha pubblicato vari articoli ed interviste sul tema. Promuove da sempre il ripudio alla guerra e alla violenza.