Alessandro Gualtieri

L’aviazione della grande guerra. Cavalieri, tattiche e tecnologia nei cieli d’europa

15.00

| L’aviazione è un ottimo sport, ma è completamente inutile per i fini dell’esercito | Ferdinand Foch

 

Se i fratelli Wright inventarono l’aeroplano, il Primo Conflitto Mondiale diede alla luce l’aeronautica. Spinti dalle crescenti esigenze di offesa e difesa, i fragili biplani dei pionieri mutarono in vere e proprie macchine da combattimento, mentre la costruzione artigianale lasciò il posto alle iniziative industriali sempre più importanti e ambiziose. È facile immaginare che, là dove i pionieri del volo gettarono le basi di ciò che sarebbe diventata una delle più clamorose conquiste tecnologiche del secolo scorso, i militari si impadronirono della rivoluzionaria tecnologia e di tutti i giovani talenti capaci di “volare” con le ali del proprio folle coraggio e librarsi realmente in volo con i primi esemplari di aeroplani e palloni aerostatici da osservazione – i più arditi sarebbero diventati veri e propri “cavalieri del cielo”. La cosiddetta “guerra aerea” può essere assimilata a tutti gli altri fronti del Primo Conflitto Mondiale. Il periodo 1914-1918 registrò, infatti, per la prima volta nella storia e su larga scala l’impiego delle neonate tecnologie aeronautiche a scopi bellici. Ci volle un po’ di tempo prima che i Generali Europei riconoscessero la validità e l’intrinseca potenzialità di questa nuova arma – lo stesso Ferdinand Foch esclamò: “L’aviazione è un ottimo sport, ma è completamente inutile per i fini dell’esercito.” – e i primi aeroplani militari furono semplicemente utilizzati al “posto” della cavalleria per semplici missioni di esplorazione e per identificare le trincee avversarie dall’alto. In seguito, apparvero tuttavia altre differenti connotazioni tattiche che portarono alla realizzazione di esemplari destinati al combattimento, alla ricognizione vera e propria e al bombardamento. Una volta capita la sua enorme utilità, l’aviazione militare fu interessata da uno sviluppo estremamente repentino.

PAGINE: 176

Condividi questo libro con gli amici

Email
ISBN: 978-88-6261-471-9 Collana:
Rassegna Stampa
Condividi questo articolo su Share on Facebook
Facebook

Alessandro Gualtieri è un rinomato storico e ricercatore milanese, che da anni studia assiduamente la Prima Guerra Mondiale. Prolifico scrittore e conferenziere internazionale, ha già pubblicato numerosi saggi sull’argomento, tradotti anche in lingua inglese.